Select Page

Nel nostro attuale ambiente di lavoro, gli sviluppi tecnologici hanno notevolmente facilitato
“multitasking.” I computer consentono di eseguire più programmi contemporaneamente e i dispositivi mobili
i telefoni sono diventati computer portatili in grado di fornire informazioni regolarmente aggiornate.
La ricerca ha mostrato un aumento del multitasking relativo ai media negli ultimi 10 anni
anni e ha affrontato i suoi effetti sia sul piano mentale
salute e processi cognitivi. L’aumento del multitasking multimediale è associato a un aumento
depressione e sintomi di ansia sociale, inferiori
rendimento scolastico degli studenti universitari e diminuzione delle capacità
per filtrare efficacemente le informazioni irrilevanti. Tuttavia, mentre
i computer potrebbero effettivamente essere in grado di “multitasking”, gli esseri umani no. In termini di processi,
il multitasking implica cambiamenti cognitivi di contesto. Non si può scrivere una relazione e rispondere a
e-mail in arrivo contemporaneamente; invece, l’e-mail in arrivo interrompe l’attività di scrittura
e richiede un riorientamento. L’aumento delle interruzioni dovute al multitasking aumenta lo stress e
sforzo di focalizzare l’attenzione sul compito specifico.

La consapevolezza viene talvolta definita “single-tasking”, che è l’antitesi di
multitasking. Molte pratiche di consapevolezza richiedono che il partecipante utilizzi un unico focus;
in tal modo, promuovono l’attenzione focalizzata su un singolo. Questo obiettivo è dimostrato dal quotidiano
esercizio di routine in cui si viene istruiti a concentrarsi solo su un compito specifico a portata di mano. Così,
invece di parlare con un cliente e allo stesso tempo controllare il proprio telefono per nuovi messaggi,
la consapevolezza coltiva l’attenzione solo alla conversazione con il cliente. In questo esempio,
il colloquio con il cliente è il principale e unico oggetto di attenzione ed è, quindi,
come il respiro o il corpo nelle pratiche formali.

Uno studio di Levy e colleghi ha esaminato la relazione tra consapevolezza e
multitasking. Hanno scoperto che i partecipanti che hanno ricevuto un corso di consapevolezza di 8 settimane
passava meno frequentemente tra compiti in competizione, sperimentava meno emozioni negative,
e dedicato più tempo a ciascuna attività (senza aumentare l’investimento di tempo totale) rispetto
a quelli dei gruppi di rilassamento o di controllo. Anche il gruppo di meditazione e rilassamento
ha mostrato una migliore memoria per i dettagli del lavoro svolto. Insomma, questi
i risultati supportano l’idea che la pratica della consapevolezza migliora le abilità che possono contrastare il
conseguenze negative del multitasking

Obbiettivo:
L’obiettivo di questo strumento è dimostrare l’illusione del multitasking ai clienti e all’offerta
linee guida concrete affinché adottino un approccio alla vita più consapevole (single-tasking).

Istruzioni:

Passaggio 1: guida il cliente attraverso l’esercizio utilizzando lo script seguente

■ In questo esercizio vedremo quanto sei bravo nel multitasking.
■ Quando dico vai, vorrei che dicessi l’alfabeto a te stesso (nella tua testa) il più velocemente possibile. Quando tu
sono finiti, alza la mano. Andare! [15 secondi]
■ Ora, quando dico di andare, vorrei che contassi da 1 a 26 in silenzio fino a te stesso il più velocemente possibile. quando
hai finito, alza la mano. Andare! [15 secondi]
■ Ora, quando dico vai, vorrei che combinassi questi due compiti pronunciando la lettera A e poi il numero
1, quindi B e 2, C – 3 e così via fino al numero 26. Fallo il più velocemente possibile e alza la mano
quando hai finito. Andare! [15 sec

Passaggio 2: riflessione

Discutere il seguente:
■ Cosa hai notato?
■ Com’è stato per te combinare i due compiti?
■ Quando tendi a svolgere più compiti nella tua vita?
■ Ci sono momenti/situazioni/persone nella tua vita che trarrebbero beneficio dall’impegnarsi in compiti singoli come
contrari al multitasking?

Passaggio 3: suggerimenti pratici per il single-tasking

Condividi alcuni suggerimenti pratici per aumentare il single-tasking nella vita quotidiana:

    1. Avere una sola scheda del browser aperta alla volta (o un insieme di schede, se correlate a un’attività).

 

    1. Concentrati su ciò che vuoi fare: se non sei sicuro, è più facile distrarsi.

 

    1. Se inizi a leggere un articolo, leggilo fino in fondo o lo salvi per dopo in un’app, come Instapaper, non farlo
      lascialo aperto tutto il giorno nel tuo browser.

 

    1. Usa un’app alla volta sul telefono, invece di passare rapidamente da una all’altra.

 

    1. Quando vieni interrotto o cambi attività, nota cosa stai facendo in modo da essere consapevole del tuo comportamento.

 

    1. Avere più tempo libero dal digitale. Quest’ultima regola è importante. Se e-mail, social media e chat interna
      sono le tue principali distrazioni, passare più tempo lontano dal telefono o dal computer può aiutare il tuo cervello
      abituarsi a periodi più lunghi senza quelle distrazioni. Infine, è possibile praticare il single-tasking
      mentre si cena o si trascorre del tempo con la famiglia tanto quanto durante le attività lavorative. Lasciando il tuo
      computer spento e il telefono in un’altra stanza può aiutarti a imporre più facilmente l’attività singola
      rendendo indisponibili quelle comuni distrazioni