Select Page

Entrare in sintonia con l’auto-presenza con LA RUOTA DELLA CONSAPEVOLEZZA DI SIEGEL (10 minuti)

Esercizio La Ruota della Consapevolezza:

 

Passaggio 1: inizia con da sei a otto persone sedute in cerchio.

 

Passaggio 2: riproduci la registrazione (o leggi la trascrizione di seguito), quindi rimani in silenzio.

 

Passaggio 3: ogni persona prende appunti su un diario o un blocco.

 

 

 

Trascrizione:

Inizia mettendoti in una posizione comoda e percependo il ritmo del tuo respiro

Mentre inspiri ed espiri, inizia visualizzando la ruota. Il “mozzo” è al centro e quattro quadranti lo circondano con un bordo che racchiude tutto ciò che sai e di cui puoi essere consapevole. Per ogni parte di questa pratica, invierai un raggio dal mozzo al cerchione per focalizzare la tua consapevolezza. Dopo ogni parte di questa pratica, ti suggeriamo di centrarti con un respiro profondo prima di andare avanti.

Ora rivolgi la tua attenzione al primo quadrante: i tuoi cinque sensi. Uno per uno, prenditi del tempo per concentrare la tua consapevolezza su ciò che stai vedendo, ascoltando, annusando, assaporando e toccando.

Quindi, focalizza la tua attenzione sul tuo “sesto senso”, le sensazioni interiori del tuo stesso corpo. Questo è il secondo quadrante attorno all’hub. Prenditi qualche momento per spostare la tua concentrazione su tutto il tuo corpo, diventando consapevole delle sensazioni che provi dall’interno del tuo essere fisico, dai muscoli e dalle ossa della testa, dagli arti e dal busto, fino a sentire le sensazioni negli organi del tuo corpo.

Ora è il momento di concentrarti sulle attività della tua mente stessa. Questi includono emozioni, pensieri, ricordi, speranze, credenze, sogni, immagini, desideri, atteggiamenti e intenzioni. Questa parte della pratica è divisa in due parti. Per prima cosa, inizia semplicemente diventando consapevole di ciò che entra nella tua mente: invita qualsiasi attività mentale a prendere coscienza.

Dopo aver preso del tempo per farlo, il passo successivo è prestare particolare attenzione alle caratteristiche di come queste attività mentali entrano ed escono dalla coscienza. Come sorgono e passano? Queste attività si verificano improvvisamente o gradualmente? Rimangono quindi costanti, svaniscono in entrata e in uscita o riverberano? Allora come se ne vanno? E vengono sostituiti immediatamente con qualcos’altro o no? In caso negativo, come si sente il divario tra due attività mentali?

Ora è il momento di provare qualcosa di un po’ diverso. Come in altre parti di questa pratica, invia il tuo discorso di attenzione fuori dall’hub, ma questa volta piegalo indietro verso l’hub stesso per dirigere la tua attenzione a concentrarsi sulla tua consapevolezza. Con questa parte della pratica, stai lavorando sulla “consapevolezza della consapevolezza” e sentendo com’è. Ci vorrà un po’ di pratica, quindi cerca di essere paziente.

Il quarto quadrante rappresenta il nostro senso di connessione con le cose al di fuori del nostro corpo. Inizia concentrando la tua consapevolezza sulle persone che sono fisicamente vicine a te, quindi espandila ad altre che sono più lontane. Quindi espanditi a coloro a cui ti senti vicino – famiglia e amici – e poi agli altri con cui sei impegnato, come colleghi, studenti, insegnanti e altri. Quindi amplia il tuo senso di connessione passo dopo passo per includere coloro che vivono nel tuo quartiere, città, paese, continente, nel mondo intero e, infine, a tutti gli esseri viventi sulla terra.